Formula 1, Wolff lancia il guanto di sfida alla Ferrari

Ci incamminiamo a passi ormai sempre più spediti verso il settimo gran premio di questo campionato mondiale di Formula 1, che avrà luogo domenica 11 giugno in quel di Canada, presso il prestigioso circuito di Montreal dedicato al mai troppo compianto Gilles Villeneuve. Le cose, finora, non sono andate particolarmente bene alla Mercedes, come abbiamo avuto modo di raccontare in queste ultime settimane. La casa delle frecce d’argento, infatti, indicata come strafavorita per la vittoria finale, ha dovuto fin qui fronteggiare la grande condizione della Ferrari, che tramite Sebastian Vettel ha finalmente rilanciato le proprie ambizioni dopo anni di anonimato.

Formula 1 macchineIn effetti, la Ferrari sta riuscendo a dominare il campionato di Formula 1 sia riguardo la classifica piloti, sia relativamente a quella dei costruttori. Le prove opache di Lewis Hamilton, che fanno da contraltare alla discreta crescita palesata nelle ultime uscite da Kimi Raikkonen, hanno in qualche modo acceso un campanello di allarme in casa Mercedes. E, allora, ad alzare la voce, nella speranza di restituire un barlume di fiducia, ci ha pensato nientemeno che Toto Wolff, direttore esecutivo della compagnia tedesca.

Wolff, infatti, ha tentato di analizzare il momento critico che sta vivendo Mercedes in Formula 1, asserendo che, nonostante vi siano certamente alcuni problemi rispetto al recente passato, la macchina è “competitiva, tanto da portare a tre vittorie nelle prime sei gare (due di Hamilton e una di Bottas, ndr.).

Tuttavia, adesso Wolff si aspetta maggior cinismo da parte dei propri piloti: “bisognerà lottare per ogni singola vittoria, per ogni pole position, per ogni podio, per ogni punto”, ha dichiarato il numero uno di Mercedes. Che, poi, non manca di lodare gli storici avversari. “Anche se fa male dirlo, in questo momento è la Ferrari ad essere favorita, non noi. Restano comunque ancora 14 gare da disputare, a cominciare da Montreal: siamo fiduciosi”, ha concluso Wolff.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*