Formula 1, Vettel è pronto con la sua “Gina”

Il conto alla rovescia è ormai partito in via ufficiale. Fra appena quattro giorni, e dunque nella domenica che segnerà anche il cambio dell’ora, il campionato mondiale di Formula 1, giunto alla 68° edizione, comincerà in maniera ufficiale. Un torneo particolarmente atteso, poiché molti addetti ai lavori pronosticano un ritorno in grande stile della Ferrari. Alla cui guida, naturalmente, ci saranno due tra gli uomini più attesi dell’intera manifestazione: Kimi Raikkonen, ultimo pilota a vincere con la tuta della “Rossa”, e soprattutto Sebastian Vettel, su cui la scuderia italiana ha praticamente puntato tutto.

Ferrari VettelUn pilota sempre diviso tra più anime, Sebastian Vettel. Capace di dosare freddezza e di alternarla alla sua guida focosa e appassionata, il tedesco ripartirà dalla nuovissima Ferrari, che nei primi test ha ben figurato. Il modello SF70H, meglio conosciuto con il nome di “Gina”.

Fra le particolarità di Vettel, in effetti, vi è sempre stata la stravaganza di battezzare la propria vettura con un nome tipicamente femminile. Basta dare una breve scorsa agli anni passati, per vedere come si era comportato il corridore teutonico con i bolidi che ha cavalcato. La Toro Rosso del 2008, ad esempio, prese il nome di Julie, mentre nel periodo alla Red Bull troviamo gli appellativi più disparati: Kate, Kate’s dirty sister, Randy Mandy, Luscious Liz, Kinky Kyle, Abbey, Hungry Heidi e Suzie.

Una tradizione che Vettel ha mantenuto fin dai suoi primissimi giorni alla Ferrari, tanto che la sua prima “Rossa”, nel 2015, venne ribattezzata Eva. Nello scorso anno, invece, la scelta ricadde su un’italianissima Margherita, e stessa cosa è avvenuta appunto in questa stagione, con Gina.

Una motivazione che lo stesso pilota tedesco ha voluto esplicare tramite il proprio profilo ufficiale di Twitter, spiegando che si tratta di un nome di origini latine: oltre che “l’abbreviazione di Regina”. Con la speranza che, naturalmente, la sua Gina possa tornare effettivamente ad essere la regina della Formula 1.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*