Formula 1, Verstappen lancia l’assalto al GP di Canada

Siamo entrati nella settimana decisiva per il settimo gran premio del campionato mondiale di Formula 1, fin qui caratterizzato dallo scontro al vertice tra Sebastian Vettel e Lewis Hamilton. La Ferrari, dopo alcuni anni di anonimato, pare essere finalmente tornata competitiva ad alti livelli, mentre Mercedes, di contro, orfana del campione in carica Nico Rosberg, pare aver perso alcune certezze. Ma se, secondo un vecchio detto, fra i due litiganti il terzo gode, in questo caso l’incomodo si è decisamente defilato. La causa, certamente, è da ritrovare nelle prestazioni fin qui poco incisive di Daniel Ricciardo e di Max Verstappen, candidati alla vigilia come possibili antagonisti per il titolo.

Max VerstappenInvece, i due piloti titolari della Red Bull finora hanno dato vita a delle prove piuttosto deludenti. Benché Ricciardo, nelle ultime due corse, ha in qualche modo rilanciato le proprie ambizioni collezionando due discreti terzi posti, la classifica generale di Formula 1 proietta lui e il compagno Verstappen a distanze siderali dai primi quattro posti: l’australiano è quinto a 52 punti, l’olandese addirittura sesto con “soli” 45 punti.

Ma Verstappen non ci sta, e allora il corridore di Red Bull ha provato a dare un segnale, una sorta di scossa, al campionato proprio e a quello della scuderia austriaca. A partire dal gran premio canadese, che si terrà presso il circuito di Montreal dedicato al compianto Gilles Villeneuve. “Mi piace correre nel continente americano, ci son sempre buone sensazioni e anche i fan sembrano piuttosto carichi”, ha dichiarato Verstappen, presso una intervista rilasciata recentemente.

Il pilota, poi, loda la pista di Montreal, e in particolare l’ultima chicane: “si arriva al punto di frenata ad una velocità molto alta, e i freni possono essere anche piuttosto freddi. L’anno scorso, in quel punto, ho combattuto contro Nico Rosberg: bisogna fare grande attenzione, perché si possono danneggiare le gomme”, ha concluso Verstappen.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*