Formula 1, si profila il clamoroso ritorno di Kubica?

Il campionato attuale di Formula 1, senza ombra di dubbio, è uno dei più interessanti degli ultimi anni. Complice un leggero appannamento di Lewis Hamilton, indicato alla vigilia come il favorito numero uno per la corsa al titolo, la Ferrari sembra essere tornata sulla cresta dell’onda: Sebastian Vettel, con sei gran premi già disputati, sta guidando la classifica piloti con una certa disinvoltura, mentre il suo “secondo”, Kimi Raikkonen, sta crescendo corsa dopo corsa. Notizie certamente positive per gli appassionati dei motori, i quali potrebbero essere pronti ad abbracciare anche un’altra gradita sorpresa. Stiamo parlando di Robert Kubica, noto corridore polacco.

Robert Kubica Formula 1Robert Kubica, infatti, potrebbe presto tornare al volante di una vettura di Formula 1. Renault, infatti, gli avrebbe riservato una Lotus E20 del 2012, in quel di Valencia, peraltro tra poche ore. E la cosa, certamente, non può che destare un pizzico di nostalgia, oltre che un sorriso, agli amanti del mondo delle corse.

I fatti, riguardo a Kubica, sono per l’appunto noti. Il pilota polacco, oltre sei anni or sono, fu praticamente costretto all’abbandono della Formula 1 proprio alla vigilia del mondiale. All’epoca in forza a Renault, proprio nella già citata città spagnola, il 3 febbraio del 2011, Kubica realizzò una serie di test particolarmente importanti, che parevano poterlo proiettare come una delle potenziali mine vaganti del mondiale che sarebbe iniziato nel mese di marzo.

Poi, il patatrac: il 6 febbraio, nel corso di una competizione di rally, il corridore fu vittima di un gravissimo incidente stradale, che gli procurò diverse fratture oltre al serio rischio di perdere una mano. Salvatosi miracolosamente, Kubica fu tuttavia costretto a rinunciare alla partecipazione del campionato di Formula 1, ritirandosi, di fatto da quel mondo. È poi tornato a competere solo tre anni più tardi, nei campionati di rally, ma la passione per la categoria principale è sempre rimasta. E chissà che i segnali per questi test spagnoli non si rivelino così positivi da indicare addirittura un clamoroso rientro in Fomula 1.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*