Formula 1, sarà il mondiale dei giovani

Meno due al via. Dopodomani, finalmente, i semafori del circuito di Melbourne diventeranno verdi, lasciando che i bolidi della Formula 1 si lancino alla caccia del trono lasciato vacante da Nico Rosberg. Il nuovo campionato mondiale automobilistico, giunto alla 68° edizione, sarà parecchio interessante non soltanto perché, in gara, non ci sarà nessun corridore a difesa della propria corona. Innanzitutto, come abbiamo già detto in precedenza, potremmo finalmente assistere alla tanto attesa rinascita della Ferrari, parsa più sicura che mai nei primi test. Ma, soprattutto, è molto probabile che questa manifestazione passi alla storia della rassegna come il mondiale dei giovani.

Formula 1È altresì interessante, infatti, notare come ci siano parecchi virgulti, pronti a lanciare il proprio assalto nella storia della Formula 1. Una sorta di generazione di fenomeni, per riprendere un celebre pezzo degli Stadio. In questo senso, le statistiche ci accorrono in aiuto: dal 1950 ad oggi, in quasi 70 anni di competizione, sono stati solamente 11 i piloti a esordire nelle gare di Formula 1 ad un’età inferiore ai 20 anni, e 6 di essi (quindi più della metà) saranno presenti in questa edizione.

Anzitutto, troviamo il più giovane della competizione: si tratta di Lance Stroll, corridore canadese di appena 18 anni. Il ragazzo affiancherà il più esperto Felipe Massa a bordo della propria Williams. Troviamo poi un altro virgulto, che però in qualche modo è già un veterano della Formula 1. È Max Verstappen, 19 anni, fra i piloti più interessanti di questa Formula 1. Attualmente in forza alla Red Bull, debuttò con la Toro Rosso il 15 marzo del 2015, a soli 17 anni e 166 giorni, divenendo il corridore più giovane di sempre nella storia della competizione.

Fra gli altri quattro dei famosi undici esordienti sotto i vent’anni attualmente in gara, troviamo ormai dei veri e propri esperti della Formula 1. Figurano, infatti, i nomi di Fernando Alonso (che debuttò con la Minardi nel 2001, a 19 anni e 218 giorni) e Sebastian Vettel (2007 con la Sauber, 19 anni e 348 giorni). C’è poi il Russo Danil Kvjat, 22 anni, che esordì nel 2014 con la Toro Rosso a 19 anni e 324 giorni. Infine, c’è il ventenne Esteban Ocon, al suo secondo mondiale in Formula 1: lo scorso anno, al debutto, aveva 19 anni e 346 giorni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*