Formula 1, Marko avverte: occhio alla Ferrari e a Vettel

Il nuovo campionato mondiale di Formula 1 è ormai alle porte. Domenica 26 marzo, finalmente, i semafori dell’Albert Park Circuit di Melbourne, in Australia, diventeranno verdi, aprendo la caccia al trono lasciato vacante da Nico Rosberg. Una gara che si preannuncia apertissima, e che potrebbe prevedere diverse contendenti inaspettata. Secondo Helmut Marko, talent scout di casa Red Bull, a giocarsela non saranno soltanto Lewis Hamilton e Daniel Ricciardo. L’ex pilota austriaco, infatti, si è detto preoccupato dalla forza mostrata nei primi test dalla Ferrari, e soprattutto dal suo corridore principe, Sebastian Vettel.

Ferrari VettelSecondo Marko, infatti, “la Ferrari non solo è molto forte, ma anche molto affidabile. Rispetto allo scorso anno, è questa la differenza più grande che ho visto.” Al momento in forza alla scuderia di Red Bull, Marko afferma inoltre che, secondo lui, Vettel non abbia ancora dato il massimo. “Lo conosco molto bene, e il fatto che abbia alzato il piede dal pedale, di proposito, prima del rettilineo del traguardo, mi preoccupa davvero. È il sintomo di una sicurezza enorme nei propri mezzi: segnale che, evidentemente, è sicuro di poter tirare fuori dalla macchina un potenziale ancora maggiore.”

In ogni caso è ancora tutto da vedere, e tutte le maggiori case automobilistiche, fino a questo momento, probabilmente hanno fatto molta pretattica. Non soltanto la Ferrari, ma anche le altre. “Non si è scoperto nessuno finora. Se nel serbatoio metti 10 kg di benzina in più, perdi circa 0,35 secondi almeno ad ogni giro. Vanno considerate anche le mappature, che differiscono parecchio: parliamo di almeno un secondo.”

Insomma, rimane ancora tutto da vedere. Tuttavia, Marko è sicuro del fatto che, stavolta, anche la Ferrari sarà della partita. “Se a Melbourne dovesse esserci la stessa temperatura che c’è stata durante le prove, allora anche durante la gara la Ferrari potrebbe essere davanti a tutte le altre.” Staremo a vedere, insomma.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*