Formula 1, dal 2021 sarà svolta per i motori

Buongiorno a tutti e buon inizio di settimana. Il mese di aprile è ormai iniziato, e, con esso, la 68° edizione del campionato mondiale di Formula 1 inizierà finalmente a entrare nel vivo. L’esordio del torneo è avvenuto lo scorso 26 marzo, allorché Sebastian Vettel è riuscito a riportare la Ferrari sul gradino più alto del podio dopo oltre un anno di assenza. Una gran soddisfazione per la Rossa, a scapito della Mercedes di Lewis Hamilton (che, a quanto sembra, accusa più di un problema di massa nella vettura). Ad ogni modo, lasciamo per un attimo da parte questo presente ancora in divenire, per dare un’occhiata, invece, a quello che potrebbe essere il futuro del mondo delle corse.

Formula 1 macchineCome abbiamo anticipato anche nel titolo, infatti, sembra proprio che, a partire dal 2021, la Formula 1 subirà una vera e propria svolta. Il Patto della Concordia, a meno di eventuali modifiche e accordi vari, scadrà nel 2020. E, considerando che il tempo inizia ormai ad assottigliarsi, la FIA sta iniziando a gettare le basi per ciò che succederà dopo questa data.

Molti saranno i fattori da incanalare verso un’unica direzione, per cercare dei compromessi che possano accontentare un po’ tutte le parti. Anzitutto, bisogna sempre dare un’occhiata all’aspetto ecologico di tutta la vicenda, cercando però di non compromettere le prestazioni dei motori in termini di potenza e di velocità. Proprio la potenza sarà uno dei fattori più chiacchierati: stando a quanto trapelato, infatti, sembra che si riuscirà a realizzare motori ancora più potenti (nonostante già adesso si viaggi sull’ordine dei 1000 cv), e, al contempo, addirittura più economici.

Altro aspetto da tenere sotto osservazione sarà il rumore: questa è ormai la quarta stagione in cui si trovano in azione le power unit dell’era dell’ibrido (si iniziò nel 2014), e, secondo molti appassionati, la fiacchezza della rumorosità dei motori ha comportato anche una perdita in termini di spettacolo. Perciò, ecco la svolta: dal 2021, motori più potenti, più rumorosi e più economici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*