Formula 1, in Cina andrà in scena il Giovinazzi bis

L’esordio della 68° edizione del campionato mondiale di Formula 1 è avvenuto appena una decina di giorni fa: allorché, presso il circuito australiano di Melbourne, Vettel ha riportato un trionfo che alla Ferrari mancava da troppo tempo, battendo la Mercedes di Lewis Hamilton in maniera pressoché incontrovertibile. Un inizio straordinariamente promettente per la Rossa, ma i tifosi italiani hanno potuto esultare anche per un altro avvenimento molto atteso. Ci stiamo riferendo, come certamente avrete capito, all’esordio assoluto di Antonio Giovinazzi nella “Serie A” delle corse, che peraltro ha restituito alla Formula 1 un pilota azzurro dopo diversi anni di assenza.

Giovinazzi Formula 1Giovinazzi fu visibilmente entusiasta di quella prima gara, che concluse peraltro al 12° posto a bordo della Sauber che sarebbe dovuta essere di Pascal Wehrlein: non così distante, quindi, dalle posizioni utili per far punti. Il terzo pilota della Ferrari, per l’occasione “imprestato” alla scuderia svizzera, pare tuttavia non volersi fermare qui, e anzi mettere nel proprio motore altri chilometri.

Come la stessa Sauber ha rivelato nelle scorse ore, infatti, Pascal Wehrlein, che nel mese di gennaio riportò un infortunio tutt’altro che trascurabile a Miami, salterà anche il circuito della Cina. E per l’occasione, dunque, sulla vettura svizzera tornerà a sedersi Giovinazzi, che tanto bene ha fatto in quel di Melbourne, senza sfigurare dinanzi ai più grandi campioni della Formula 1 degli ultimi anni.

Un momento magico per il corridore scuola Ferrari dunque, che potrà continuare ad accumulare esperienza nell’attesa che il tedesco Wehrlein recuperi dai propri guai fisici. Che, per l’occasione, ha così dichiarato alla stampa: “La cosa più importante, per me, è di potermi allenare in maniera intensiva, per poter poi assicurare di dare il 100% nella corsa il prima possibile. Spero che ciò possa avvenire già in Bahrein (circuito successivo a quello cinese, e presso il quale si correrà il prossimo 16 aprile ndr), altrimenti rimanderemo al gran premio di Russia.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*