Formula 1, il “cambio d’abito” di Haas

Manca poco meno di una settimana al prossimo gran premio di Formula 1, che potrebbe vedere ulteriori colpi di scena in seno alla lotta per il vertice della classifica piloti. Dopo cinque gare, il distacco tra le prime due posizioni è davvero minimo: al momento Sebastian Vettel occupa infatti la vetta, con 104 punti, mentre Lewis Hamilton segue a ruota con 98 lunghezze. Tutti gli altri corridori si ritrovano apparentemente troppo distaccati per poter rientrare in corsa. In particolare, i piloti sulla carta meno quotati paiono non avere grosse chance per rientrare in gioco: basti pensare, ad esempio, a Romain Grosjean e a Kevin Magnussen, entrambi in forza ad Haas.

Formula 1 HaasLa scuderia statunitense, effettivamente, non era fra le più gettonate alla vigilia del mondiale di Formula 1, e fin qui sta disputando una competizione senza grandi sussulti. Grosjean, al momento, occupa la dodicesima posizione della classifica piloti, con 5 punti. Magnussen segue subito dopo: tredicesimo, con 4 lunghezze.

Anche nella classifica costruttori Haas non ha palesato grandi meraviglie, perlomeno nel corso dei primi cinque gran premi. La testimonianza diretta sono i 9 punti realizzati, che valgono alla scuderia americana la terzultima piazza. E allora, ecco che, magari anche in segno di buon auspicio per i restanti tre quarti di mondiale ancora di disputare, giunge il cambio di livrea, accolto comunque con un certo favore.

Si riduce drasticamente la quantità di rosso presente sulla vettura: in particolare, sul musetto e sulle ali il colore principale viene sostituito da una tonalità di grigio chiaro, una soluzione che, secondo il direttore Gunther Steiner, si è resa necessaria per restituire una maggiore visibilità al veicolo in pista, tenendo anche in considerazione i vari cambiamenti apportati dalla FIA riguardo il posizionamento dei numeri e la loro dimensione.

Steiner conferma poi che la livrea verrà mantenuta fino al termine della stagione corrente, auspicandosi poi un buon prosieguo per le prossime gare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*