Ferrari da sogno a Silverstone: Vettel primo, Raikkonen terzo

Se anche il gran premio di Silverstone, storicamente una roccaforte per la Mercedes di Lewis Hamilton, è stato conquistato con gran successo, allora significa che questo potrebbe essere l’anno buono per la Ferrari e per Sebastian Vettel, autore di una prestazione da sogno in Gran Bretagna. Anche il decimo capitolo del campionato mondiale di Formula 1 si tinge di rosso, e la sensazione è che il trend possa essere portato avanti fino ad Abu Dhabi: allorché, il prossimo 25 novembre, presso il Yas Marina Circuit, il torneo si concluderà ufficialmente.

Ferrari VettelUn passo alla volta, tuttavia. E allora, ecco che il gran premio di Silverstone si infiamma già ai nastri di partenza, quando Lewis Hamilton, primo nelle qualifiche, clamorosamente sbanda per un contatto con Raikkonen. Il britannico di Mercedes è costretto a ripartire dall’ultima posizione, il finlandese di Ferrari viene penalizzato di dieci secondi (e tuttavia anch’egli sarà autore di una gara di altissimo livello), e ad approfittarne, naturalmente, non può che essere Sebastian Vettel, che va a prendersi la testa della corsa.

Hamilton dà il via ad una rimonta disperata, il sussulto del grande campione. Tra pit stop a sorpresa, incidenti, safety car e strategie più o meno efficaci, si arriva agli ultimi giri, con i due ferraristi protagonisti di una prova straordinaria. Al giro 47, dopo aver lungamente lavorato ai fianchi, Vettel supera Bottas, e va a riconquistare il comando della corsa. Il suo compagno di squadra, Kimi Raikkonen, dopo aver brillantemente vinto la sfida con Max Verstappen, riesce a far fuori anche lo stesso Bottas, che nel frattempo aveva lasciato passare avanti Hamilton.

L’attacco del britannico al tedesco tuttavia non si concretizza, ed ecco dunque che il podio di Silverstone va a rispecchiare quello della classifica piloti: primo Vettel (che sale a quota 171 punti), secondo Hamilton (163), terzo Raikkonen (116). Allungo Ferrari anche nella classifica costruttori: primo posto a 287 punti, contro i 267 di Mercedes.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*