Ferrari, male anche in Cina: adesso si fa dura

Difficilmente poteva esserci un avvio peggiore di questo, per la Ferrari, nella settantesima edizione del campionato mondiale di Formula 1. La scuderia italiana voleva in qualche modo riscattare la stagione passata, vissuta ad alta livello per un lungo frangente ma poi gettata alle ortiche con un ultimo parziale molto più deludente. Ci si attendeva che la Rossa potesse dar vita ad un grande esordio, contando anche sulla determinazione e sulle giovani forze dell’ambizioso Leclerc. Eppure, i primi tre gran premi son stati, se non disastrosi, certamente molto sconfortanti.

settant'anni della ferrariConsiderando anche la corsa disputatasi in quel di Shanghai, in Cina, la Ferrari si è ritrovata ad accumulare un ritardo mostruoso sia per quanto riguarda la classifica piloti che per quel che concerne quella dei costruttori. I punteggi, d’altronde, non lasciano spazio a molti dubbi: Lewis Hamilton, manco a dirlo, guarda tutti dall’alto in basso con 68 punti, frutto di due primi posti e di un secondo posto. Il compagno di squadra Valtteri Bottas lo segue a ruota, con 62 lunghezze (due secondi posti ed un primato). Il podio virtuale, al momento, è completato addirittura da Max Verstappen, che è già piuttosto distante dai due gradini più alti: 39 punti per lui. Soltanto dopo troviamo le due Ferrari: 36 punti per Vettel, 35 punti per Leclerc.

1 Trackback / Pingback

  1. Formula 1, ecco tutti gli orari del GP di Baku - Tutto Sport

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*