Sir Alex Ferguson rimane in terapia intensiva

Sono ancora estremamente gravi le condizioni nelle quali versa Sir Alex Ferguson, colpito nelle prime ore della domenica da una emorragia cerebrale. Il leggendario tecnico scozzese, che lo scorso 31 dicembre ha compiuto 76 anni, è impegnato in una dura lotta tra la vita e la morte, e sarebbe ancora in terapia intensiva.

Sir Alex FergusonUna notizia, quella del malessere di Ferguson, che inevitabilmente ha scosso l’intero mondo del calcio. D’altro canto, parliamo di uno degli allenatori più vincenti e più iconici di tutti i tempi. Legato indissolubilmente al Manchester United, proprio nei lunghissimi anni ai Red Devils il tecnico scozzese è riuscito a consacrarsi come uno dei migliori di sempre nel suo ruolo.

Alex Ferguson ha occupato la panchina del Manchester United per l’incredibile periodo di 27 anni. Un lasso di tempo cominciato nel 1986, e conclusosi soltanto nel 2013, con la conquista dell’ultima Premier League. In mezzo, oltre un quarto di secolo di incredibili vittorie, di successi e di trofei, nazionali e internazionali. I più importanti, chiaramente, sono quelli raggranellati in Europa: due Champions League, una Coppa Intercontinentale, un Mondiale per Club, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa Europea (queste ultime due conquistate anche durante la militanza all’Aberdeen) non sono titoli che appaiono spesso nel palmarès di un qualsiasi allenatore.

Anche a livello individuale, Sir Alex Ferguson è stato spesso celebrato come uno fra i migliori di sempre nel suo ruolo. Per dieci volte è stato votato come miglior tecnico della Premier League, mentre in tre occasioni gli è stato conferito l’Onze d’or come miglior allenatore europeo dell’anno. Ma è forse l’IFFHS a concedergli le più importanti onorificenze: due volte allenatore dell’anno, e addirittura la nomina come miglior tecnico del ventunesimo secolo.

Nel corso di queste ultime ore sono state numerose le voci che hanno voluto dimostrargli vicinanza, e alle quali anche l’intero staff di Tutto-Sport desidera unirsi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*