Evra, che sciocchezza: carriera a rischio

Potrebbe costare davvero carissima la follia di cui si è macchiato Patrice Evra, peraltro ex giocatore della Juventus, poco prima dell’inizio della sfida di Europa League tra il suo Olympique Marsiglia e il Vitoria Guimarares. Il difensore, infatti, si è reso protagonista di un violento battibecco con un tifoso, sfociato poi in una vera e propria rissa: Evra, evidentemente fuori di sé, ha risposto alle provocazioni (forse razziste) passando alle mani. Anzi, ai calci: il francese ha infatti rifilato un pestone al supporter, gesto che non soltanto gli è valso un’espulsione a partita neppure iniziata (e fortunatamente per il Marsiglia non era nella lista dell’undici titolare, altrimenti la squadra sarebbe scesa in campo in dieci uomini), ma soprattutto uno sconcerto e un biasimo collettivo dall’intera stampa mondiale.

Patrice EvraStupisce, infatti, che l’autore di un simile gesto sia Patrice Evra, un giocatore che in primis, a 36 anni e mezzo, vanta una grandissima esperienza; e, soprattutto, una sciocchezza compiuta a fronte di una carriera tutto sommato ineccepibile dal punto di vista etico, ove non si registrano significativi colpi di testa, o colpi di piede, verrebbe da dire in questo caso.

L’Olympique Marsiglia per il momento non si è sbilanciato troppo sulla questione, ma è chiaro come il sole che ai vertici del club non regni la gioia. Anzi, lo stesso allenatore dei francesi, Rudi Garcia, dinanzi alle telecamere è parso un po’ in imbarazzo nel tentativo di difendere il suo giocatore. Il quale, secondo alcune indiscrezioni, era peraltro già nervoso per lo scarso impiego trovato in questa stagione.

La stampa specializzata ha già condannato il gesto di Evra, così come anche i tifosi, che ventilano il licenziamento in tronco tra le sanzioni più gettonate. Ma, ancor più presumibilmente, il francese riceverà una lunghissima squalifica, di almeno 7 mesi. Insomma, la stagione per lui finirebbe anticipatamente, e all’inizio della prossima, quando di anni ne avrà già 37, non sarà facile trovare un club disposto a puntare su di lui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*