Europei, l’Italbasket chiude terza nel girone: agli ottavi c’è la Finlandia

italia europei Luci e ombre. Potrebbe essere sintetizzata così, almeno fino ad ora, l’avventura dell’Italbasket agli Europei. La formazione allenata da Ettore Messina è partita con il piede giusto, vincendo le prime due gare, salvo poi inciampare per due volte di seguito e concludendo il girone con una vittoria, bella e importante.

Partiti con diverse problematiche – l’infortunio accorso a Danilo Gallinari su tutte – e con un moderato pessimismo per via di un pre-torneo non memorabile, gli azzurri hanno dimostrato di essere comunque una squadra tonica, vivace e difficile da battere. I primi due match hanno visto l’Italia prevalere sui padroni di casa di Israele e successivamente sull’Ucraina: un doppio successo che aveva forse esaltato troppo l’ambiente, dato che poi sono arrivate due sconfitte. Se quello contro la Lituania è stato un ko ‘preventivabile’, dove comunque l’Italbasket ha lottato con grinta fino all’ultimo respiro, la battuta d’arresto contro i tedeschi è stata digerita con molta più difficoltà. Per fortuna ci ha pensato la Georgia a battere Israele e a darci una mano: la sconfitta degli israeliani, infatti, ci ha proiettati agli ottavi di finale con una giornata di anticipo.

Gli uomini di Messina sono stati poi bravi a chiudere il girone al terzo posto, vincendo proprio l’ultima gara del raggruppamento contro la Georgia. Un successo molto sudato, blindato da una splendida stoppata di Gigi Datome ai danni del georgiano Shermadini, che ha così scacciato l’incubo supplementare.

Ora gli azzurri se la vedranno agli ottavi di finale con la sorprendente Finlandia, capace di sconfiggere i fortissimi francesi nella gara d’esordio del torneo. Tra i giocatori più in vista c’è certamente Lauri Markkanen, 20 anni, stella dei Chicago Bulls: Messina lo sa bene, e di certo avrà in mente qualcosa per arginare il talento del finlandese. L’appuntamento è per domani, alle ore 17:45, al Sinan Erdem Dome di Istanbul.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*