Disastro Juventus, il Real passeggia sulla Signora

È finita come peggio non poteva andare la sfida di andata dei quarti di finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid, che, di fatto, equivale anche ad una grossa ipoteca in vista della gara di ritorno. La Vecchia Signora, giunta parzialmente rimaneggiata ma speranzosa di far bene fra le mura amiche dello Stadium, viene annichilita da un Real Madrid forte del solito Cristiano Ronaldo, assolutamente fotonico.

Allegri JuventusUno 0 – 3, quello incassato dalla Juventus, figlio anche di una prestazione generosa fino alla seconda prodezza del numero 7 dei galacticos, ma profondamente segnata da numerosi errori tecnici soprattutto negli ultimi 16 metri. In questo senso, è quanto meno da elogiare l’abnegazione della compagine bianconera, che dopo il fulminante vantaggio del Real Madrid, giunto dopo appena 3 minuti dal fischio d’inizio, prova a giocarsela senza timori.

Mancano, però, come anticipato poc’anzi, i guizzi dei due giocatori che dovrebbero maggiormente incidere: Douglas Costa e soprattutto Paulo Dybala, autori di una prova poco lucida e imprecisa soprattutto sotto porta. Con il “tradimento” dei suoi due giocatori più tecnici, la Juventus fatica nel trovare quel gol che potrebbe riaccendere ogni speranza, e anzi, nel secondo tempo arriva il tracollo.

È il 64° minuto quando Cristiano Ronaldo decide di chiudere i giochi con un gol spaziale, una rovesciata che trova anche il fair play dello Stadium, in piedi per acclamare la prodezza del portoghese. È l’episodio che distrugge la partita: due minuti più tardi Dybala, già ammonito e visibilmente nervoso, si fa espellere per un fallo tanto sciocco quanto ingenuo. Il Real Madrid trova spazi a non finire, e con un’azione spumeggiante trova anche il tris con Marcelo, che salta Buffon con uno scavetto.

Le merengues trovano anche due traverse, con Kroos e Kovacic, mentre la Juventus, perlomeno alla ricerca del gol della bandiera, sfiora la marcatura dapprima con Higuain (bell’intervento di Navas nell’occasione), poi con Cuadrado, che da due passi si divora l’impossibile. Finisce così, con un KO pesantissimo che probabilmente spegne ogni residua ambizione bianconera in questa Champions League.

1 Trackback / Pingback

  1. Roma, mezzo harakiri in Spagna: il Barça vince 4 – 1 - Tutto Sport

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*