Crisi Fiorentina, Cognigni: ‘Ci deve essere rispetto per la maglia…’

Dure le parole di Cognigni, il presidente esecutivo della Fiorentina, dopo la brutta batosta subita contro il Palermo.

Pesa come un macigno per la Fiorentina, l’inattesa sconfitta a Palermo che rischia di lasciare fuori dall’Europa la compagine viola. Una sconfitta tanto amara quanto imprevedibile, nata più per i demeriti viola che per la prestazione della squadra siciliana. Viola imprecisi, svogliati e poco determinati sotto porta. Dopo lo svantaggio nato su una punizione perfetta di Diamanti dal limite, la reazione della squadra gigliata è stata annacquata dai troppi errori in fase di impostazione e dalle eccessive giocate personali dei due esterni, Tello e Chiesa, che spesso hanno provato a cercare la gloria personale sprecando opportunità propizie.

Nonostante il tracollo della squadra gigliata, la proprietà ha voluto confermare Paulo Sousa sulla panchina viola fino a fine stagione. Per bocca del dirigente Carlos Freitas, la Fiorentina ha fatto capire che non verrà avvicendata la guida tecnica, seguendo una linea ormai costante adottata nei momenti più difficili di questa travagliata stagione: ‘La società ha già fatto capire che nei momenti di difficoltà che il tecnico non è mai stato in bilico, manteniamo un’indirizzo fino alla fine’ sono state le parole di Freitas a fine gara. Ancora più amare le parole espresse da Mario Cognigni, il presidente esecutivo, che ha espresso tutto il malcontento per una prestazione davvero indecifrabile dell’undici viola apparso svuotato e privo di motivazioni: ‘

Ci dispiace per Firenze e per tutti i tifosi, soprattutto per coloro che si sono sobbarcati l’impegno della trasferta in Sicilia. Al di là del risultato ci deve essere sempre il rispetto per la maglia, della tradizione, della città e di tutti i valori che contraddistinguono il cuore viola. La grande amarezza di questo momento non ci deve però far perdere la lucidità necessaria a gestire al maglio le quattro partite che mancano al termine della stagione. Sousa e i giocatori sapranno trovare le motivazioni per onorare i nostri colori e la città che rappresentano come hanno già dimostrato più volte’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*