Coutinho – Barcellona, tutto fatto per 160 milioni!

E così, alla fine, si è concretizzata una delle trattative di calciomercato più clamorose di questi ultimi anni, le cui basi, tuttavia, erano già state gettate nella scorsa sessione estiva: Philippe Coutinho passa dal Liverpool al Barcellona, per la mostruosa cifra di 160 milioni di euro, suddivisa in 120 milioni subito più altri 40 milioni di bonus maturabili al raggiungimento di eventuali obiettivi.

CoutinhoCoutinho al Barcellona era un affare che, come dicevamo poc’anzi, in realtà si sarebbe dovuto fare già nella scorsa estate. I blaugrana, infatti, clamorosamente ceduto Neymar al Paris Saint Germain, erano a caccia di un sostituto, ed il brasiliano del Liverpool era stato individuato come il giocatore maggiormente in grado di coprire il vuoto lasciato dall’altro asso verdeoro.

Tuttavia, a spegnere ogni speranza ci pensò il Liverpool, che, pur a fronte della volontà dello stesso Coutinho di trasferirsi al Barcellona, rigettò indietro le varie offerte. Una mossa astuta, quella del club inglese, che nel frattempo ha visto crescere ulteriormente il valore del cartellino del proprio uomo principe, protagonista, in questa prima parte di stagione, sia in Premier che in Champions League: 19 presenze complessive condite da 12 reti, numeri che hanno convinto il Barcellona a fare la classica offerta che non si può rifiutare.

Un’offerta che, come detto, si è concretizzata in una cifra stimata in 160 milioni di euro: 120 milioni di cartellino, più altri 40 milioni, secondo la stampa specializzata, che potrebbero maturare dopo il raggiungimento di alcuni obiettivi. Il che renderebbe Coutinho, dopo il già citato Neymar, il secondo calciatore più pagato di tutti i tempi. Uno smacco per i tifosi nerazzurri, dal momento che l’ Inter, nel gennaio del 2013, cedette il brasiliano al Liverpool per appena 13 milioni di euro, considerando anche i vari bonus.

Gli inglesi, peraltro, hanno già parzialmente investito la cifra, rilevando il cartellino del difensore Virgil Van Dijk per addirittura 84 milioni di euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*