Coppa Italia, in finale sarà di nuovo Juventus – Milan

Le sfide di ritorno delle semifinali di Coppa Italia si sono oramai concluse, e questo significa che, oramai, abbiamo la certezza assoluta su quali saranno le due squadre che, nel prossimo mese di maggio, potranno contendersi l’ambito trofeo. Si tratta di Juventus e Milan, che si erano già affrontate nell’ultimo atto dell’edizione 2016.

Allegri JuventusLa Juventus, che detiene la Coppa Italia da tre anni consecutivi, era la grande favorita alla vigilia di questa edizione, ed effettivamente i bianconeri sono stati protagonisti di un cammino piuttosto agevole: quattro partite, quattro vittorie, sei gol fatti e zero subiti. Un andazzo netto, al quale la pur bella Atalanta di Gasperini, così come nel match di andata, non ha potuto opporsi.

È stato infatti sufficiente un gol di Pjanic con un calcio di rigore contestato, al termine di una sfida comunque entusiasmante e caratterizzata da diverse occasioni importanti, per piegare le ambizioni della Dea. E così, Massimiliano Allegri può dirsi soddisfatto per aver raggiunto uno dei primi obiettivi stagionali, vale a dire quello di arrivare a marzo con la possibilità di potersi ancora aggiudicare tutti e tre i trofei disponibili.

Per il Milan, invece, si tratta di un epilogo a dir poco clamoroso, oltre che impensabile, se si pensa al grave declino che i rossoneri pativano fino a solo alcune settimane fa. Proprio il quarto di finale di Coppa Italia contro i cugini dell’ Inter, nel derby di San Siro, è stato il crocevia di una stagione apertasi in modo maledetto.

E così, anche i rossoneri possono vantare una difesa ancora impermeabile in questa Coppa Italia, con zero reti subite in sei gare, e quattro realizzate. Per superare una Lazio mai doma, tuttavia, agli uomini di Gattuso sono stati necessari i calci di rigore, al termine di una doppia sfida conclusasi a reti inviolate. La sensazione, però, è che per battere la Juventus, a maggio, servirà qualcosa in più.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*