Closing Milan, la caparra da 100 mln non verrà versata nemmeno oggi: nuova deadline

Ecco i nuovi sviluppi sul closing Milan riportate nell’edizione odierna del Corriere della Sera.

Ancora una tegola sul closing Milan per il trasferimento delle quote di maggioranza alla cordata guidata dal gruppo Sino Europe. Secondo indiscrezioni diffuse stamani dal Corriere della Sera, nemmeno oggi arriverà la tanto attesa caparra da 100 milioni che avrebbe potuto rasserenare gli animi, dopo le recenti battute d’arresto del closing, slittato a data da definire.

Si procederà dunque ad una nuova proroga degli accordi tra Fininvest e Sino Europe Sports ai fini del trasferimento delle quote di maggioranza del club rossonero. Un tira e molla che prosegue dalla scorsa estate e che si è solo sostanziato nel versamento di due tranche da 100 milioni di euro a titolo di caparra. Le parti avevano definito per venerdi la deadline per il versamento della terza tranche da 100 milioni ma pare certo che questi soldi non verranno versati nemmeno oggi. Questioni rilevanti di natura burocratica avrebbero imposto una nuova deadline a lunedi prossimo.

Il Corsera riporta anche l’indiscrezione che sarebbe la Banca Lazard l’intermediario che fungerà da consulente in questa operazione bancaria. La stessa intermediaria avrebbe rassicurato la famiglia Berlusconi circa la solidità economica di Yoshong Li, l’investitore che dovrà saldare gli importi residuali. Sarebbe in possesso dei 320 milioni per il closing definitivo. Una certificazione che ha rassicurato la dirigenza rossonera che adesso confida di poter chiudere l’intera operazione entro giugno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*