Chiriches, che sfortuna: ginocchio KO, stagione finita?

È finita prima di cominciare, con ogni probabilità, la stagione di Vlad Chiriches. Il difensore in forza al Napoli, durante gli impegni nella Nations League con la sua Romania, ha subito un brutto infortunio al ginocchio sinistro: si era capito da subito che la situazione era particolarmente seria, ma ulteriori esami e approfondimenti hanno confermato un quadro fin troppo grave per sperare in un rientro entro tempi stretti.

Vlad ChirichesChiriches, nella gara contro il Montenegro, valida per la neonata competizione europea della Nations League, ha infatti rimediato una rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Una vera e propria beffa, per un giocatore che, già in passato, è stato più di una volta tartassato di infortuni di vario genere, e che quest’anno, con l’innesto di Carlo Ancelotti sulla panchina del Napoli, sperava di poter rientrare in maniera più centrale nei piani del club.

Presumibilmente, infatti, Chiriches, a seconda di come andrà il decorso e la fase di riabilitazione, riuscirà a tornare in campo non prima della prossima primavera del 2019. Un duro colpo per il Napoli, che in questo inizio di stagione aveva il reparto arretrato già falcidiato: basti pensare che il portiere Alex Meret, acquistato per rilevare la pesante eredità di Pepe Reina, si era fatto male in fase di precampionato, mentre Ghoulam, pur essendo quasi ristabilito, non è ancora del tutto pronto per riprendersi una casacca da titolare.

Rimane da capire, adesso, quali saranno i desideri del Napoli, e in che modo vorrà agire il presidente della società partenopea, Aurelio De Laurentiis. Da un lato, c’è la possibilità di intervenire in fase di mercato, mettendo sotto contratto un profilo svincolato, in modo da tamponare parzialmente la situazione. Dall’altra, l’eventualità di proseguire con gli effettivi al momento presenti in rosa perlomeno fino al prossimo gennaio, ossia quando si aprirà la finestra di riparazione per il mercato invernale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*