Carlo Tavecchio: “Nuove riforme per la Serie A”

Carlo TavecchioIl nuovo presidente della Figc, Carlo Tavecchio dopo aver assunto come nuovo tecnico della Nazionale Italiana, Antonio Conte, ha deciso di creare nuove riforme per il calcio italiano. Una delle riforme più importanti è quella di riportare la Serie A con 18 squadre. Una seconda riforma sarà quella di obbligare i club Italiani ad avere minimo 4 giocatori di nazionalità italiana nella propria rosa iniziale.

Carlo Tavecchio ha fatto capire che vorrà quindi regolare prima possibile la questione degli stranieri in campo, infatti già come detto in precedenza esso punterà su un numero minimo di italiani nell’undici di partenza in ogni sfida. Iniziando con 4 giocatori per questo campionato ed arrivando a 6 nel campionato 2015/2016. La seconda riforma che andrà ad adottare la Figic sarà quella di portare la Serie B da 22 a 20 squadre e la Serie A a 18 squadre.

Il presidente della Figc è intervenuto in una trasmissione televisiva dove ha rilasciato alcune parole sul futuro di queste riforme dicendo: “Ci sono 700mila giovani in Italia sotto i 18 anni, servono dei centri federali con diramazioni nelle province e poi nelle regioni per farli conoscere. L’incontro tra questi giovani sarebbe una vetrina importante per il calcio professionistico dove andare a pescare con un po’ di testa invece di guardare sempre all’estero. E’ un’esigenza di costi e bilanci che sono sempre più drammatici. La Figc dovrà andare nelle scuole e creare delle squadre che possano partecipare a dei campionati, come in Inghilterra i college

La volontà del presidente Figc è quella di concludere tutto il processo di riforma entro 8 mesi, in modo da cominciare il prossimo campionato con il nuovo regolamento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*