Come cambia la Juventus senza Barzagli?

Uno dei motivi principali da cui è scaturito il successo della Juventus in questi ultimi anni, consiste certamente nella sua immensa forza difensiva. Il modulo tanto caro ad Antonio Conte, vale a dire il 3-5-2, ha infatti esaltato le caratteristiche di Andrea Barzagli, Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini, già componenti fondamentali anche dell’ossatura della Nazionale Italiana. I tre, in Europa, sono conosciuti con l’acronimo di BBC, e pure ai recenti campionati europei hanno strappato applausi a scena aperta.

Andrea Barzagli Euro 2016Andrea Barzagli, in particolare, nel corso delle ultime stagioni è stato capace di garantire una serie di prestazioni di altissimo livello, tanto che, alla veneranda età di 35 anni, viene ancora oggi considerato dagli addetti ai lavori non soltanto come il più forte difensore italiano, ma addirittura come uno dei migliori dell’intero panorama mondiale.

Purtroppo, contro il Chievo Verona, Barzagli ha patito un infortunio tanto grave quanto sfortunato: la lussazione della spalla sinistra, infatti, costringerà il centrale di Fiesole ad uno stop piuttosto lungo, quantificato in circa due mesi, gettando nello sconforto il tecnico Massimiliano Allegri. Non soltanto perché l’allenatore bianconero in questo modo perde uno dei senatori nonché uno dei giocatori più affidabili dell’intera rosa, ma anche perché il reparto arretrato di Madama, già scricchiolante in questo avvio di stagione, viene così ulteriormente indebolito.

La defezione di Barzagli si aggiunge infatti a quella di Chiellini, tormentato da diversi guai fisici. Anche Bonucci non è al meglio, senza scordare che pure Benatia e Rugani, comunque pienamente recuperati, di recente sono stati lontani dai campi per infortunio.

In questa ottica, quindi, è presumibile credere che lo scacchiere bianconero verrà interamente stravolto. Probabile, dunque, una brusca virata al 4-3-1-2: Buffon tra i pali, difesa composta da Dani Alves, Bonucci, Benatia e Alex Sandro, poi la mediana con Khedira, Marchisio e Sturaro (o Asamoah). Sulla trequarti agirebbe Pjanic, mentre il tandem d’attacco sarebbe ancora composto da Mandzukic e Higuain, in attesa che Dybala recuperi.

L’alternativa porterebbe al 4-3-3, con Cuadrado esterno destro d’attacco, Pjanic arretrato nuovamente sulla mediana, e Dybala a fare l’ala sinistra.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*