Calvario Milik, crociato rotto e nuovo stop lunghissimo

Il calcio è ben strano e, alle volte, sa anche essere crudele. Basti pensare ai tanti giocatori baciati da un grande talento, e tuttavia dotati di un fisico fragilissimo. Per anni, in Italia, abbiamo sperato in una esplosione di Giuseppe “Pepito” Rossi, uno dei migliori talenti espressi dal nostro movimento nell’ultimo decennio: tuttavia, l’attaccante, che a febbraio 2018 compirà 31 anni, ha vissuto una carriera tormentata da gravi infortuni, che ne hanno ridimensionato notevolmente le ambizioni. E un destino analogo, sfortunatamente, pare essere toccato a Milik, giovane ariete polacco del Napoli.

Milik NapoliArkadiusz Milik, nella scorsa stagione, riportò un primo infortunio grave, rompendosi il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Costretto a diversi mesi di stop, la contemporanea esplosione di Dries Mertens in qualità di falso nueve, lo ha poi relegato allo scomodo ruolo di rincalzo di lusso, tanto da subentrare spesso e volentieri dalla panchina.

Adesso, con una nuova stagione ormai iniziata, si credeva che il giovane Milik potesse tornare prepotentemente alla ribalta, riconquistando il Napoli e magari alternandosi proprio a Mertens, che nel frattempo ha continuato a realizzare gol a grappoli. Non a caso, puntando su di lui, nella sessione estiva di mercato De Laurentiis aveva lasciato andare Pavoletti e Zapata, evidentemente sentendosi coperto per il ruolo di punta centrale.

Il nuovo, brutto infortunio patito nella sfida contro lo SPAL, tuttavia, ha avuto l’esito peggiore possibile: nuova rottura del legamento crociato, stavolta al ginocchio destro, che provocherà un lunghissimo stop ed una difficile riabilitazione per un rientro a livelli adeguati. Il che, chiaramente, considerando l’assenza di altre prime punte in squadra, obbligherà Sarri a far fare gli straordinari a Mertens, in attesa del mercato di gennaio: durante il quale, presumibilmente, verrà richiamato Inglese dal Chievo Verona. Che non sarà Milik, certo, ma che in questi ultimi anni ha palesato delle qualità certamente molto importanti.

1 Trackback / Pingback

  1. Le probabili formazioni di Napoli – Feyenoord - Tutto Sport

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*