Calciomercato estivo, dall’Inghilterra ecco la svolta

Alle fine, una delle svolte tanto attese è giunta. La grande telenovela estiva del calciomercato, che ci accompagna da diversi anni a questa parte in una serie di atti appassionanti, vive un nuovo capitolo, che assume i contorni della riforma. E, nondimeno, proviene direttamente dalla Premier League, dall’Inghilterra, che il gioco del calcio lo ha proprio inventato.

calciomercatoA partire dall’estate del 2018, infatti, la finestra di calciomercato si concluderà prima dell’inizio del campionato. Una decisione, questa, ponderata e ventilata da tempo, e che tuttavia giunge con la stessa imminenza e con la forza di un fulmine. Le compravendite, dunque, potranno essere eseguite entro e non oltre le ore 17:00 del giovedì precedente alla prima giornata di campionato.

Questo, evidentemente, per non creare vari problemi né ai calciatori, né ai club stessi: i quali, quando inizia una stagione, hanno necessità di registrare i propri effettivi per diversi impegni, compresi i preliminari delle competizioni europee, che iniziano sempre prima della conclusione della sessione di calciomercato. Un modo logico per mettere ordine, e per riformare una delle parti più belle e appassionanti di questo sport, e tuttavia gestite sempre più spesso da una certa confusione.

Una innovazione che, peraltro, è stata bene accolta anche qui da noi, tanto che diversi addetti ai lavori si auspicano una soluzione analoga. È il caso di Beppe Marotta, amministratore delegato della Juventus, che reputa la decisione saggia e opportuna: sia perché un calciomercato troppo lungo può generare delle turbative, sia perché, in fin dei conti, un club adeguato sa pianificare il proprio mercato per tempo.

Anche Monchi, amministratore sportivo della Roma, sposa completamente questa decisione: il giallorosso, su Twitter, giudica giusta e logica la scelta di chiudere il calciomercato prima dell’inizio del campionato. E ci si auspica, adesso, che la cosa possa essere adottata anche all’interno dei maggiori campionati europei, inclusa ovviamente la nostra Serie A.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*