Buona la prima di Bottas, ma Vettel è immenso

Si è consumata poche ore fa la quarta gara del campionato mondiale di Formula 1, corsa sul difficile circuito di Sochi. In terra russa, nonostante alcuni esperti pochi giorni fa pronosticassero un andamento più lento e compassato delle Ferrari a causa delle temperature più contenute, in realtà son stati proprio i piloti della Rossa a risultare fra i grandi protagonisti del pomeriggio. Alle spalle di Valtteri Bottas, infatti, alla prima vittoria in carriera, si sono posizionati Vettel e Raikkonen, autori di una prestazione a dir poco eccellente.

Vettel Bottas Hamilton Formula 1A dire la verità, nonostante il risultato comunque più che positivo, è difficile per la Ferrari, e per Vettel in particolare, non nascondere una certa delusione. Il corridore tedesco, infatti, nelle qualifiche era stato il migliore di tutti, tanto da guadagnarsi una meritata pole position, lasciando così presagire ad una possibile vittoria anche a Sochi. A compromettere la gara di Vettel, in questo senso, paradossalmente è stata proprio la partenza, sulla quale Bottas ha palesato una reattività ed una rapidità incredibile, che ha sorpreso il ferrarista. Dall’altro lato, invece, è stato bravo Raikkonen a proteggere la terza piazza da un Hamilton parso clamorosamente spaesato e sottotono, poco incisivo anche dopo l’ingresso della safety car, episodio durante il quale si è assistito al ritiro forzato di Grosjean e Palmer a causa di un incidente.

Nei primi venti giri, è predominio di Mercedes e Ferrari, coi piloti di entrambe le squadre che ben delineano la differenza con tutte le altre scuderie: il distacco dalla quinta posizione in giù aumenta curva dopo curva, con Verstappen che si trova ad accusare addirittura 31 secondi di ritardo rispetto a Bottas in questa fase.

A partire dal 23° giro la gara si accende, con Vettel che spinge al massimo nonostante le gomme ultrasoft usate, e Bottas che, complice anche il pit stop, si trova costretto ad inseguire. Il teutonico, tuttavia, nonostante la prova eccezionale, è costretto ad arrendersi a seguito del proprio ingresso ai box: pur cambiando le gomme, e portando il distacco al minimo rispetto al rivale, non riesce mai a trovare pertugi per infilare il pilota finlandese, che vince così con un piccolo scarto. Terzo Raikkonen, bravissimo, quarto Hamilton.

Vettel allunga così in classifica rispetto al britannico, portandosi a +13. La piazza d’onore viene occupata proprio da Bottas, con 23 lunghezze di ritardo dal tedesco, mentre Raikkonen è quarto con 37 punti in meno rispetto al compagno. Ribaltone invece nella classifica piloti, con Mercedes che adesso conduce di un solo punto sulla Ferrari: 136 a 135. La Red Bull, tenuta dietro a distanze siderali, segue a 57 punti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*