Il Bonucci decaduto, da leader a bersaglio sui social

Uno dei trasferimenti più clamorosi della storia recente del nostro campionato, indubbiamente, è stato quello che ha portato Leonardo Bonucci lontano dalla “sua” Juventus, per andare, invece, a vestire la casacca del Milan. L’addio del difensore alla Vecchia Signora, sicuramente, ha lasciato degli strascichi molto pesanti, da una parte all’altra. E le conseguenze, adesso, sono sotto gli occhi di tutti.

Juventus BonucciSul campo, infatti, il Milan, che nella sessione estiva di calciomercato aveva speso oltre 200 milioni di euro (e buona fetta di questa cifra era stata dedicata proprio all’acquisto di Bonucci), non sembra aver migliorato le proprie prestazioni in maniera significativa. Rispetto allo scorso anno, anzi, lo score pare addirittura peggiorato, con 3 sconfitte rimediate in 7 turni (nella stagione passata 2 sconfitte e 1 pareggio a questo punto), e dieci reti già subite nonostante i proclami iniziali.

E irrimediabilmente, nell’occhio del ciclone, è finito proprio Bonucci: il difensore, pur non essendo l’unico colpevole, è stato comunque protagonista di alcune prove in chiaroscuro, condite da diversi errori che non sono certo compatibili con gli standard offerti nella sua militanza juventina. Ma ad esser più criticato, tanto da divenire un vero e proprio bersaglio sui vari social network, è stato l’atteggiamento del centrale di Viterbo.

Anzitutto, la pretesa della fascia da capitano, a quanto pare già promessa a Donnarumma (senza contare che è stata “strappata” dai veterani della squadra, come Montolivo e Abate), e del numero di maglia, il 19, scippato a Kessié. Ingredienti che non avrebbero certo fatto godere a Bonucci dell’amore incondizionato dello spogliatoio: tanto che, incredibilmente, negli scorsi giorni Manuel Locatelli aveva persino messo un like ad un post di Instagram che criticava aspramente il difensore, a suo dire comunque un “errore non intenzionale”.

Ma, soprattutto, i tifosi del Milan hanno mostrato di sgradire i tanti post pubblicati da Bonucci sul proprio profilo di Facebook, specialmente a fronte di sconfitte o di cattive prestazioni. La pretesa, insomma, di un rispetto a rendita, che invece andrebbe sempre conquistato sul campo.

1 Trackback / Pingback

  1. Brutta Italia, Macedonia indigesta: le pagelle degli Azzurri - Tutto Sport

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*