Bayern, vittoria amara: Atletico in finale

Non ce l’ha fatta il Bayern Monaco a ribaltare la sconfitta patita nella gara di andata di semifinale di Champions League, contro gli arcigni avversari dell’Atletico di Madrid: al termine di una sfida bellissima e ricca di emozioni, infatti, è stato il club spagnolo a conquistare il diritto di contendere la coppa dalle grandi orecchie ad una tra Real Madrid e Manchester City. Per gli uomini di Simeone, difatti, grazie all’1-0 siglato all’andata, il 2-1 patito dal club teutonico risulta praticamente indolore.

Eppure, per Vidal e compagni, le cose si erano messi subito bene, e anzi, potenzialmente potevano mettersi benissimo. Il Bayern comanda in lungo e in largo (tanto che a fine gara totalizzerà un possesso palla vicino al 75%), e al 31° trova un vantaggio un po’ fortunoso: punizione di potenza di Xabi Alonso, deviazione della barriera e Oblak non può nulla per evitare il gol

Tre minuti più tardi, l’Atletico, palesemente in difficoltà, concede anche un rigore agli avversari: dal dischetto si presenta Muller per il possibile 2-0, ma l’estremo difensore dell’Atletico stavolta è bravissimo, e respinge la conclusione.

Bayern EliminatoDopo appena 9 minuti dall’inizio della seconda frazione di gara, Griezmann, lanciato a rete da Torres, si presenta davanti alla porta tutto solo, e fulmina Neuer con un sinistro preciso. Dubbi, però, sulla posizione di partenza dell’attaccante francese, apparso leggermente in offside.

Il Bayern non ci sta, continua a spingere e, in qualche modo, trova il gol del nuovo sorpasso grazie a Lewandowski, abile, al 74° minuto, a girare di testa un cross di Vidal. Tutto sembra però perduto per i bavaresi all’84° minuto, quando l’arbitro concede all’Atletico Madrid un penalty per un fallo avvenuto fuori dall’area. Dal dischetto si presenta Torres, che si fa ipnotizzare da Neuer in un rigore fotocopia rispetto a quello fallito nel primo tempo dai tedeschi.

Tuttavia, la prodezza dell’estremo difensore teutonico viene resa vana dal triplice fischio finale, che consente all’Atletico di raggiungere la seconda finale di Champions League negli ultimi tre anni. E chissà che, all’ultimo atto, non possa consumarsi una vendetta nei confronti degli storici rivali del Real Madrid, che nella finale di due anni fa superarono proprio gli uomini di Simeone al termine di una partita incredibile. Sempre più rimpianti, intanto, per la Juventus

1 Trackback / Pingback

  1. È sempre Real Madrid : sua la Champions League - Tutto Sport

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*