Altro colpo Inter in arrivo? Keita è a un passo

Una decina di giorni scarsi, oramai, ci separa dalla conclusione della sessione estiva di calciomercato, che probabilmente, per quanto riguarda la nostra Serie A, ricorderemo per parecchi anni a venire. D’altro canto, sono stati dei mesi a dir poco folli, che hanno riproposto il campionato italiano al centro dell’universo europeo. Il fiore all’occhiello, inevitabilmente, è quello che la Juventus ha posto sul proprio vestito buono, e che porta il nome di Cristiano Ronaldo. Ma, come abbiamo avuto modo di raccontare più di una volta in questo nostro piccolo spazio virtuale, anche l’ Inter è stata protagonista di alcuni movimenti molto importanti: con grande scaltrezza, spendendo bene e piazzando con il giusto tempismo vari parametri zero, i dirigenti nerazzurri hanno messo a segno dei colpi di alto livello. Basti pensare a Nainggolan, De Vrij, Martinez, Vrsaljko, Politano e Asamoah. E, quando si continua a parlare con grande insistenza di Luka Modric, ecco che, come un lampo accecante, arriva il botto a sorpresa: Keita Baldé.

KeitaKeita è una vecchia conoscenza del calcio italiano, visti i suoi trascorsi con la casacca della Lazio dal 2013 al 2017. Proprio nell’estate dello scorso anno, reduce dalla sua miglior stagione, il giovane esterno offensivo senegalese, dopo essere stato molto vicino a diversi club italiani (Juventus e Inter su tutti), si era infine accasato alla corte dei francesi del Monaco: un’operazione da 30 milioni di euro, da molti considerata eccessiva visto il contratto in scadenza.

Dopo un’annata ad alti e bassi in terra transalpina, con un comunque discreto bottino di 8 reti messe a segno in 33 presenze complessive, per Keita sembra essere già giunto il momento del ritorno in Italia. L’ Inter, infatti, avrebbe trovato un’intesa con il club monegasco sulla base di 30 milioni di euro, e con la possibilità di inserire, nella trattativa, una contropartita del calibro di Antonio Candreva (più conguaglio da definire). Le prossime ore, probabilmente, saranno decisive.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*