Allegri elogia tutta la squadra ma lascia aperto il discorso sul futuro: ‘Non dipende solo da me’

Ecco le dichiarazioni a caldo rilasciate da Massimiliano Allegri subito dopo i festeggiamenti per il sesto scudetto consecutivo della Juventus.

A Premium Sport, Massimiliano Allegri ha affidato le proprie confessioni sulla gioia per il terzo scudetto consecutivo in attesa della sfida di Cardiff che potrebbe fare diventare unica e irripetibile, una stagione comunque già ricca di soddisfazioni.
‘Bisogna fare i complimenti in primis – ha dichiarato il tecnico livornesi – a quei giocatori che hanno vinto i sei scudetti di fila, sono loro che entrano nella storia. E in particolare anche alla società, che assieme alla squadra ha fatto cose straordinarie. Marotta dice che la permanenza in bianconero dipende da me? Dipende da entrambi: io sono molto contento di essere alla Juventus. Arriverà il momento in cui ci siederemo e ci confronteremo, ma ora dobbiamo focalizzarci sul giocare, e possibilmente vincere, la finale di Cardiff’.

Non è più un azzardo accostare Allegri ai successi di allenatori vincenti che hanno fatto la storia del club bianconero, come Trapattoni e Lippi: ‘Questo accostamento mi rende orgoglioso è un percorso che ho fatto e che spero di continuare a fare. Ho ancora molto da migliorare, non voglio pensare che questo possa essere l’apice della mia carriera: se non hai stimoli difficilmente raggiungi i tuoi obiettivi. Ora dobbiamo ricaricare un attimo le energie, sono stati cinque mesi tosti. Lo snodo cruciale della stagione è stata Juventus-Lazio in cui passiamo al 4-2-3-1: la squadra non poteva più giocare con il modulo precedente, era arrivato il momento di cambiare e la squadra, per fortuna e per bravura, ha recepito subito’.

Allegri non ha però dimenticato la grande stagione disputata da Roma e Napoli che hanno fatto davvero tanti punti, mettendo in mostra un gioco invidiabile: ‘Mai successo che seconda e terza facessero tanti punti. Ringraziamo Roma e Napoli che ci hanno spinto anche in chiave Champions’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*