Agosto a tutto gas per il Rally di auto storiche

rallyIl fascino delle auto d’epoca attraversa generazioni di automobilisti, che come il vino buono diventano più pregiate col passare degli anni. I modelli che hanno fatto la storia delle quattro ruote ritornano ad incantare gli appassionati, tanto che negli ultimi anni si è assistito ad un vero e proprio boom delle auto storiche. Tra i motivi principali ci sono sicuramente le agevolazioni statli e il basso costo dell’assicurazione di un’auto d’epoca.

Sia che vengano acquistate per uso privato che per gare e competizioni, queste vetture accendono l’entusiasmo degli astanti semplicemente con la loro autorevole presenza. Nel mese di agosto il mondo del rally di auto storiche non è andato in vacanza ma anzi, grazie alle manifestazioni organizzate in giro per l’Italia ha deliziato gli intenditori provenienti da qualsiasi parte dello stivale.

Dal rally di Scorzè, in provincia di Venezia al rally dell’Ossola in provincia di Verbania, le occasioni per veder sfrecciare queste meraviglie d’altri tempi non sono mancate. Protagoniste assolute delle kermesse sono state sicuramente la Lancia Delta Integrale di classe N4, uno dei modelli più conosciuti al mondo, assieme all’italianissima Fiat Ritmo 130 TC.

Ma non solo, perché a sollevare polveroni con i loro spettacolari controsterzi sono state anche l’Autobianchi A112 Abarth dell’intramontabile Alfa Romeo Alfetta GTV. Tra i modelli più rinomati troviamo invece la Porsche 911 RSR e la Renault 5 GT Turbo, entrambe conosciute e apprezzate da diversi decenni, che hanno permeato l’immaginario comune degli amanti delle corse.

A suggellare un mese tanto caldo quanto intenso c’è stata anche la competizione svoltasi su una parte del percorso della famosa crono-scalata “Trento – Bondone”. Stiamo parlando dello ‘Slalom dei Sette Tornanti, che nella gara tra l auto storiche ha visto trionfare proprio la Renault 5 GT Turbo guidata da Stefano Cracco. E non finisce qui, perché anche settembre si preannuncia un mese davvero interessante per chi ha il rally nel sangue!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*