Adieu Keita, beffate Inter e Juventus al fotofinish

Alla fine si è conclusa in maniera un po’ triste una delle più lunghe telenovele di questa sessione estiva di calciomercato. Keita, fra i più interessanti prospetti espressi nella passata stagione, in forza alla Lazio, ha alfine deciso di accettare la corte del Monaco. Per la delusione, così, dei club italiani che lo avevano cercato a lungo in queste ultime settimane, Inter e Juventus su tutti.

KeitaLa più vicina a Keita, in questo senso, pareva essere proprio la Juventus: la Vecchia Signora aveva già ottenuto il consenso del giocatore, ma non quello di Claudio Lotito, le cui richieste economiche superavano abbondantemente i 30 milioni di euro. Troppi, per un attaccante sì talentuoso, ma comunque in scadenza di contratto: a giugno del 2018 sarebbe stato libero a parametro zero, e Beppe Marotta evidentemente puntava proprio su questo aspetto.

Più distaccata l’ Inter, che, imbavagliata dal fair play finanziario, aveva difficoltà ad intavolare una trattativa già di per sé complicata in partenza. Nondimeno, Keita stesso, pur avendo fatto indubbiamente comodo al gioco dei neroazzurri, non pareva gradire in maniera particolare la destinazione, preferendo invece, per la permanenza in Serie A, una squadra come la Juventus appunto: sia per il duraturo ciclo vincente della Vecchia Signora, sia per la possibilità di prendere parte alla prossima edizione della Champions League.

Alla fine, invece, a spuntarla è stato il Monaco. Il club, campione in carica di Francia, in questa estate è stato protagonista di una sorta di grande esodo, Kylian Mbappé su tutti, e solo in questi ultimi giorni sta finalmente attrezzandosi anche per il reparto avanzato. Già acquistato il cartellino di Jovetic dall’ Inter, i transalpini alla fine sono riusciti a convincere anche Keita, oltre alla Lazio: un affare, complessivamente, da oltre 30 milioni di euro, includendo anche i vari bonus. Un vero e proprio capolavoro di Lotito, per un giocatore, ricordiamo, in scadenza di contratto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*