A1, la situazione: Milano sempre più leader, in zona playoff è bagarre

Se diamo uno sguardo alla classifica del campionato di Serie A di basket maschile ci rendiamo subito conto che l’Olimpia Milano sembra non avere rivali. Il team allenato da Repesa è nettamente in testa con 38 punti, ben 10 in più rispetto alle dirette inseguitrici.

Anche nell’ultimo turno Milano ha dimostrato di essere la più seria candidata alla conquista del titolo: la trasferta al Palaserradimigni di Sassari era ricca d’insidie, visto anche il buon momento della squadra di casa sapientemente guidata da coach Federico Pasquini. L’Olimpia è riuscita comunque ad imporsi 75-82, bissando così il recente successo già ottenuto in finale di Coppa Italia. I campioni d’Italia in carica restano così saldamente in vetta al campionato, e salvo cataclismi arriveranno alla post-season forti di un granitico primo posto.

Dopo l’EA7 comincia un altro campionato. Dove le più brave, almeno fino ad ora, risultano essere la Reyer Venezia e la Sidigas Avellino, appaiate al secondo posto con 28 punti. I lagunari hanno espugnato il parquet della The Flexx Pistoia; più ‘pesante’ l’affermazione dei campani, che sono andati a vincere al PalaBigi contro la Grissin Bon Reggio Emilia (89-90 all’overtime). Il quarto posto è di proprietà della Betaland Capo d’Orlando, che fa suo il match contro la Vanoli Cremona (82-86): il team guidato da coach Lepore è sempre più fanalino di coda. Tuttavia, la penultima resta ancora a soli due punti di distanza: la Consultinvest Pesaro ha perso lo scontro diretto contro la Openjobmetis Varese, che è giunta alla terza vittoria di fila e ‘vede’ ormai Caserta. Nell’ultimo turno la squadra di Dell’Agnello è stata sconfitta al PalaMaggiò dalla Pallacanestro Cantù, che ha così agganciato la Pasta Reggia a quota 18.

Tornano in zona playoff anche l’Enel Brindisi e la Fiat Torino, che hanno rispettivamente battuto la Germani Brescia (in trasferta, 81-91) e l’Aquila Trento di coach Buscaglia, che è caduta al PalaRuffini nel posticipo di ieri sera (76-67).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*